fiori riflessi nell'acqua

L’attimo che cambia la giornata

Anche oggi (come ogni giorno) alzato dal letto ed eseguite quelle poche azioni ormai automatiche, mi sono messo subito al lavoro.
L’inizio è sempre un po’ traumatico, molte le distrazioni complice anche l’ora molto molto mattiniera, che ti sottolinea la possibilità di avere tanto tempo davanti per lavorare. Le prime cose che scorrono davanti agli occhi sul mio Mac sono le notizie, dalle più importanti fino ad arrivare a quelle spazzatura.

A poco a poco, i promemoria fissati il giorno prima, prendono il sopravvento e mi impongono di mettermi al lavoro per portare a termine gli impegni presi.
Si inizia….codice, temi, grafica e scambio di mail riempiono le ore della mia giornata.

Il tempo fuori, terribile, tende a ribadire che la natura è sempre al di sopra di tutti noi, scaraventando sulla mia città fulmini, gocce d’acqua della grandezza delle vecchie cinquecento lire e tuoni che fanno tremare le tegole sul tetto.

Forse così è un po’ esagerato, ma non posso negare che sono un amante della stagione autunnale, con le sue giornate uggiose, un po’ tristi, che ti costringono a trovare stimoli ed inventiva per colorare ciò che di grigio ti trovi davanti agli occhi guardando fuori dalla finestra.

Verso la fine della mattinata il piccolo cane, che sonnecchia tutto il giorno accanto alla mia scrivania, mi chiede, a modo suo, di portarlo fino ai giardinetti vicino casa per fare i suoi bisogni. Ammetto che sono un pessimo padrone, tralasciando le sue esigenze e scordandomi di lei in varie occasioni. Mia moglie compensa egregiamente le mie mancanze.
Appena uscito dalla porta mi accorgo che il tempo è cambiato e, le grigie e fastidiose pozze d’acqua in strada stanno prendendo colore grazie ai raggi del sole, tanto da rendere piacevole seguirne il perimetro durante la breve passeggiata.

Questo repentino cambiamento di tempo e colori, mi ha dato un senso di felicità, tanto da andare a recuperare il telefono, lasciato sulla scrivania, per scattare qualche foto “strana” ai riflessi che le pozze mi regalano.
Provvedo addirittura a cinguettare un breve tweet per condividere un immagine di quel momento.

Ritornato davanti alla scrivania mi accorgo che i pochi minuti passati fuori sono stati quelli giusti e hanno cambiato in positivo la mia giornata, facendomi apprezzare ancor di più quello che stavo facendo.

E' difficile descrivermi in poche righe e sinceramente non mi piace nemmeno farlo. Ho molti difetti, questo non posso negarlo, però alle persone che mi circondano non danno troppo fastidio. Chi lavora con me mi sopporta. E poi ci sarebbero tante altre cose, preferirei scambiare due chiacchiere per farvi capire chi sono, e capire chi siete voi che mi cercate. Già, dimenticavo, faccio il webdesigner, grafico e qualche montaggio video. Diciamo che più che lavorare mi diverto....